News

tutti | 2020 | 2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013
02/07/2020

Circolare Tematica - Proroga versamenti per i contribuenti che svolgono attività per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) – Pubblicazione del DPCM 27.6.2020

A cura di Amedeo CesaroNella Circolare di Studio si analizza quanto indicato all'interno del DPCM 27.6.2020, pubblicato sulla G.U. 29.6.2020 n. 162, con il quale è stata disposta la proroga dei termini per i versamenti derivanti dai modelli REDDITI 2020 e IRAP 2020: dal 30.6.2020 al 20.7.2020, senza maggiorazione; dal 30.7.2020 al 20.8.2020, con la maggiorazione dello 0,4%; in relazione ai contribuenti interessati dall’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA), compresi quelli aderenti al regime forfettario o dei c.d. “minimi”.
Il rinvio dei termini di versamento è stato deciso per tener conto dell’impatto dell’emergenza da CO-VID-19 sull’operatività dei contribuenti di minori dimensioni e, conseguentemente, sull’operatività dei loro intermediari.
Si ricorda che l’emanazione del DPCM di proroga era stata annunciata con il comunicato stampa del Ministero dell’Economia e delle Finanze 22.6.2020 n. 147.
Il testo del DPCM 27.6.2020 risolve gli aspetti dubbi che potevano emergere dal sintetico contenuto del suddetto comunicato stampa.
Consulta la circolare
26/06/2020

La Cassazione interviene sugli NPL e l’assenza delle garanzie reali promesse dal cedente (Loss Given Default)

A cura di Giorgio AschieriCon la sentenza del 15.6.2020 n.11583 la Suprema Corte ha emesso una interessante decisione sul danno derivante da c.d. “loss given default” (LGD), in questo caso conseguente alla riscontrata assenza di garanzie ipotecarie, dichiarate dalla cedente in sede di cessione di crediti (si trattava di un pacchetto di crediti ipotecari).
Leggi approfondimento
25/06/2020

Circolare Tematica - Proroga versamenti per i contribuenti che svolgono attività per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA)

A cura di Amedeo CesaroNella Circolare di Studio si analizza quanto indicato all'interno del comunicato stampa 22.6.2020 n. 147, attraverso cui il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto che è in corso di emanazione il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) che dispone la proroga dal 30.6.2020 al 20.7.2020: del termine di versamento del saldo 2019 e del primo acconto 2020 ai fini delle imposte sui redditi e dell’IVA; per i contribuenti interessati dall’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA), compresi quelli aderenti al regime forfettario. Il rinvio del termine di versamento, senza corresponsione di interessi, è stato deciso per tener conto dell’impatto dell’emergenza da COVID-19 sull’operatività dei contribuenti di minori dimensioni e, conseguentemente, sull’operatività dei loro intermediari.
Consulta la circolare
25/06/2020

Linee guida del CSM per l’organizzazione delle procedure concorsuali

A cura di Viviana Rotella Con delibera del 4 giugno, il CSM ha approvato le linee guida per l’organizzazione del settore delle procedure esecutive e concorsuali nella cd. “fase 2” dell’emergenza COVID-19. Per quanto riguarda le procedure concorsuali, viene sollecitata l’esecuzione dei riparti, che consentono l’immissione di liquidità nel sistema in un momento di drammatica crisi economica. 
Leggi le linee guida
19/06/2020

Cartella di pagamento non opposta, prescrizione decennale per i tributi erariali e di cinque anni per tributi locali e contributi previdenziali.

A cura di Alessandro Dalla Sega Con la sentenza n. 11814 del 18.6.2020 la Cassazione ha confermato che la prescrizione per la riscossione delle somme delle cartelle di pagamento non opposte è di dieci anni per i tributi erariali, e di cinque anni per i tributi locali o per i contributi previdenziali. La pronuncia è linea con quanto sancito dalle Sezioni Unite con la sentenza n. 23397 del 17.11.2016, secondo la quale se la cartella di pagamento, o altro atto impositivo, non vengono impugnati tempestivamente, la prescrizione per la riscossione delle somme non è, necessariamente, quella decennale, ma quella, di dieci anni o più breve, per la riscossione di ciascun tributo.
18/06/2020

Circolare Tematica - Vendite di beni tramite piattaforme digitali – Obblighi comunicativi – Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

A cura di Amedeo Cesaro Nella Circolare di Studio si analizzano i chiarimenti forniti dall'Agenzia delle Entrate sulle modalità e i termini di trasmissione dei dati relativi alle vendite a distanza di beni che avvengono mediante l’uso di una interfaccia elettronica.
Consulta la circolare
15/06/2020

Circolare Tematica - Prova delle cessioni intracomunitarie – Novità dall’1.1.2020 – Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

A cura di Amedeo Cesaro Nella Circolare di Studio si analizzano i chiarimenti forniti dall'Agenzia delle Entrate in seguito all'entrata in vigore della direttiva 2018/1910/UE, che ha modificato la direttiva 2006/112/CE in materia di IVA, prevedendo una nuova disciplina per le cessioni intracomunitarie.
Consulta la circolare
15/06/2020

Circolare Tematica - Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) – Applicabilità in relazione al Modello Redditi 2020

A cura di Amedeo Cesaro Nella circolare di Studio si forniscono approfondimenti in merito all'applicabilità degli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità fiscale) in relazione al modello redditi per l'anno 2020.
Consulta la circolare
10/06/2020

Il piano attestato come possibile epilogo del concordato in bianco - Conversione in legge del “Decreto Liquidità”

A cura di Giorgio Aschieri In sede di conversione in legge (n.40/2020) del “Decreto Liquidità” (D.L. 23/2020) è stato tra l’altro inserito l'art. 9 co. 5-bis: le imprese che, entro il 31.12.2021, hanno ottenuto il termine per la domanda prenotativa di concordato (il c.d. “concordato in bianco”) o quello dell’automatic stay antecedente all’omologa dell’accordo di ristrutturazione, possono rinunciare alla relativa procedura, predisponendo un piano di risanamento  ex art.67 L.F., che sarà poi pubblicato nel Registro delle Imprese. Verificata la completezza e la regolarità della procedura, il Tribunale dichiarerà l'improcedibilità del ricorso originario.
Leggi approfondimento
09/06/2020

Nel trasferimento dell’impresa in crisi l'accordo sindacale non può bloccare il passaggio dei dipendenti al cessionario

A cura di Alessandro Dalla Sega Con la sent. n. 10415 del 1.6.2020, per la prima volta, la Suprema Corte ha interpretato il co. 4-bis dell’art. 47 l. n. 428 del ‘90 ed ha affermato che nelle aziende in stato di crisi, o nelle quali sia stata disposta l'amministrazione straordinaria con continuazione dell'attività, l'accordo sindacale possa prevedere deroghe all’art. 2112 cc concernenti le condizioni di lavoro, fermo restando il trasferimento dei rapporti di lavoro al cessionario.
Condividi su: linkedin share facebook share twitter share
Sigla.com - Internet Partner